Footing e diabete di tipo 1: correre con il DT1

Date
Share

Attività fisica e diabete

L’attività fisica stimola diversi cambiamenti ormonali. Quando si convive con il DT1 essa viene associata a due rischi: ipoglicemiaiperglicemia. La crisi ipoglicemica è dovuta al maggior consumo di glucosio da parte dei muscoli e può verificarsi fino a 48 ore dall’esercizio fisico. 

Quando si pratica un’attività fisica in presenza di un diabete di tipo 1, in particolare il footing, la crisi iperglicemica è meno frequente, ma può comunque sopraggiungere. Può essere causata dalla scarica di adrenalina che si produce talvolta durante una sessione sportiva (concentrazione, competizione…)¹. Viene registrata soprattutto durante sessioni sportive lunghe e intense.

Iniziare a fare running in presenza del diabete

La regola d’oro quando si inizia a praticare il running con il diabete di tipo 1 è: andare al proprio ritmo. Cominciare con piccole uscite aumentando progressivamente lo sforzo. I primi allenamenti permettono di capire come reagisce l’organismo all’esercizio.

Misurare la glicemia sistematicamente prima e dopo la corsa per valutare l’impatto dell’attività fisica. L’ideale sarebbe tenere un taccuino su cui indicare con precisione la durata dell’esercizio, l’intensità (percepita), gli spuntini o zuccheri consumati (frutta, biscotti, dolcetti o altro)… In questo modo sarà possibile imparare a conoscere le proprie reazioni fisiologiche e determinare il valore ottimale di glicemia pre-running.

Footing e diabete: prepararsi bene

Durante l’attività sportiva, l’assorbimento intestinale è ridotto; maggiore è la distanza, meno efficace sarà l’assorbimento. Si consiglia quindi di mangiare 2-3 ore prima dell’uscita e di preferire un pasto a base di carboidrati complessi (cereali integrali, pane…).

Da tenere nello zaino o nella cintura da corsa:

  • glucometro
  • spuntini dolci (barrette di cerali, banana)
  • zucchero (preferire tavolette o gel di glucosio a rapido assorbimento)

È consigliabile consultare un medico o un diabetologo per procedere alla valutazione del proprio stato di salute. Potrà dispensare consigli preziosi sul momento migliore in cui praticare la corsa a piedi e aiutare a calibrare le dosi di insulina. Alcuni podisti, ad esempio, riducono la velocità basale del microinfusore fino a 1 ora prima della corsa.

Per una corsa di 10 km a una media di 10 km/h ad esempio, si raccomanda di diminuire la dose di insulina di 2/3. Se il livello glicemico è inferiore a 1,2 g/l prima di una sessione di running, può esserci un rischio di ipoglicemia. 

Durante la corsa: prevenire l’ipoglicemia

Cominciamo a fare running! Quando si convive con il diabete e si inizia a praticare la corsa, l’importante è ascoltare il proprio corpo e interrompere ai primi sintomi (sensazione di stanchezza, tremori, debolezza, vista annebbiata, ecc.). 

Qualora si verifichi un episodio di ipoglicemia, ripristinare gli zuccheri per via sublinguale (flusso sanguigno molto rapido che bypassa il tubo digerente). Riprendere la corsa solo quando ci si sente meglio.

Se si è a rischio di ipoglicemia o alle prime armi con questo sport, misurare i livelli glicemici a metà corsa. Il movimento e la traspirazione in realtà possono rendere difficile il riconoscimento dei sintomi. Non dimenticare di idratarsi regolarmente, soprattutto se fa caldo.

Dopo l’esercizio: adeguare le dosi di insulina

Dato che la sensibilità dei muscoli all’insulina aumenta diverse ore dopo la fine dell’allenamento, si raccomanda di ridurre la dose di insulina post-esercizio. Nel caso del running, diminuire ad esempio quella di cena se si è andati/e a correre nel pomeriggio.

Da sottolineare che in fase di recupero può verificarsi una crisi iperglicemica (3-6 ore dopo l’allenamento e fino a 24 ore dopo).

Si parla allora di “rimbalzo iperglicemico”².

Dopo una sessione di running, il fabbisogno di carboidrati in genere è elevato, perché le scorte di glicogeno nei muscoli e nel fegato vanno reintegrate. Nel menù post-footing: amidi e proteine per ricaricare le batterie!

Per ispirarsi e trovare un coach

World Diabetes Tour: Un sito dedicato alle sfide sportive e alle vacanze per persone che vivono il diabete di tipo 1. Una community internazionale con programmi dedicati e tanti consigli.

Fonti:

1 Aide aux jeunes diabétiques – Le Sport

https://www.ajd-diabete.fr/le-diabete/vivre-avec-le-diabete/le-sport/

2 World Diabetes Tour, Le sport: une histoire d’hormones

https://worlddiabetestour.org/fr/diabete/le-sport-une-histoire-d-hormones

3 https://www.topsante.com/medecine/maladies-chroniques/diabete/diabete-et-running-mode-d-emplio-610039

More on this topic

Our recommendations